di Marco Fachin

Riproduzione vietata ©

Ancora 7 match per sperare, anche se le possibilità sono sempre più flebili, mentre la distanza dalla zona salvezza si fa via via sempre più ampia.

Si può riassumere così il finale di stagione che attende la UPC Tavagnacco, che dovrà provare in ogni modo a rimanere in Serie B.

Impresa però veramente ardua, soprattutto dopo il 1-6 dell'ultimo turno, patito in casa dal H&D Chievo Verona, passato al "Comunale" con un set tennistico.

Risultato che ha allontanato le gialloblù dall'obiettivo salvezza di ben 9 punti, dato che è questa la distanza che le separa dalla Res Roma, prima squadra che sarebbe salva, con 21 punti.

Sarà difficile, ma non impossibile, perché in questo senso arriverà in aiuto il calendario. Il Tavagnacco infatti sarà impegnato in scontri diretti proprio contro le Capitoline, la Freedom e con il fanalino di coda Ravenna, e nel mentre avrà anche una partita con l'Arezzo, squadra che staziona poco sopra alla zona retrocessione.

Certo, ci saranno anche i match contro le prime della classe della Lazio oltre che col Parma, per non parlare dell'Hellas Verona, ma una flebile speranza c'è ancora. Necessario però non fallire gli scontri diretti.