di Marco Bisiach

Riproduzione vietata ©

Dopo tre settimane di attesa, dal termine della stagione regolare, è tutto pronto per la finalissima del girone E di Seconda categoria, che metterà di fronte domenica alle 16.30 a Pradamano i padroni di casa della Serenissima e gli isontini dell’Unione Friuli Isontina. E ci sarà anche CalcioFvgLive, con Pugaccio e Dilettanti in Diretta. Una partita intrigante che mette in palio il salto in Prima categoria (anche se tra le due, solo la Serenissima Pradamano vi può accedere direttamente, all’Ufi toccherebbe sperare nel meccanismo dei ripescaggi), e che si annuncia equilibrata. Certo, la Serenissima si è piazzata davanti in campionato (con 60 punti e 2 di margine sugli isontini), e può far festa con due risultati su tre. Ma l’Ufi di Gianni Longo è pronta a dare battaglia.

Noi ci siamo, siamo estremamente sereni e daremo tutto ciò che abbiamo – conferma a CalcioFvgLive il tecnico dei granata -. Sappiamo che ci aspetta una partita difficile, contro una squadra forte che ha a disposizione due risultati su tre, ma sappiamo anche quali sono le nostre qualità. E su quelle punteremo”. L’impossibilità di accedere direttamente alla categoria superiore, poi, non rappresenterà un alibi per diminuire le motivazioni dell’Ufi: “Assolutamente no – dice Longo -. Sarebbe importantissimo anche potersi piazzare per un eventuale ripescaggio, al di là del valore simbolico di ottenere una vittoria così prestigiosa. Quindi scenderemo in campo per fare tutto il possibile per vincere, e non avere nessun eventuale rammarico o rimpianto poi”.

Nelle ultime settimane l’Unione Friuli Isontina ha provato a tenersi “calda” per l’appuntamento con una doppia amichevole con l’Azzurra di Straccis, che peraltro sarà a sua volta impegnata domenica in una finale attesissima nei play off di Prima categoria. A Capriva del Friuli, però, devono fare i conti con alcuni giocatori non al meglio della condizione. “Abbiamo diversi ragazzi fermi ai box, che proveremo a recuperare in extremis prima della partita di domenica – dice mister Longo -. Penso soprattutto ad Alessandro Graziano, alle prese con l’influenza, e a Massimo Maurencig, fermo da settimane. Insomma, abbiamo qualche problema, ma ci faremo trovare ugualmente pronti”.

Longo comprensibilmente non scopre troppo le sue carte, ma di una cosa è certo: la sua Ufi non dovrà avere fretta. “Giocheremo questa finale a viso aperto, come abbiamo sempre fatto perché è nella nostra natura – dice -. Però, pur avendo l’obbligo di vincere, non dobbiamo dimenticare che lo possiamo fare nell’arco di 120 minuti, e dunque i miei ragazzi non dovranno farsi prendere dalla frenesia. Bisogna giocare con intelligenza. Affronteremo una squadra fortissima, che ha il migliore attacco del torneo, e alla quale piace giocare. Però la Serenissima Pradamano proprio per queste sue qualità finisce per concedere qualche occasione, e noi dovremo essere bravi ad approfittarne”.

Servirebbe un colpo esterno, non riuscito in campionato a Pradamano, dove l’Ufi pareggiò 1-1, anche se nel computo totale degli scontri diretti gli isontini sono imbattuti considerando anche il successo per 2-1 dell’andata. Questa, la finale, è però tutta un’altra storia. Tutta da giocare e da gustare. Basta attendere ancora poche ore, fino a domenica pomeriggio.