di Marco Bisiach

Il campionato di Eccellenza si prepara ad iniziare l’ennesimo tour de force di questa prima metà di stagione, con un nuovo weekend spalmato tra anticipi e partite domenicali, in attesa del turno infrasettimanale. E dalle parti di Gorizia, in queste ore, le due cugine storicamente avversarie si scoprono per molti versi un po’ più vicine e in qualche modo alleate, visto che il calendario impone all’una di sperare nei successi dell’altra. La Pro Gorizia sarà di scena in anticipo sabato pomeriggio sul campo del Kras Repen, in questo momento avversario diretto della “Juve” nella lotta alla salvezza e più in generale squadra che con i biancorossi di Sant’Andrea vive una storica rivalità all’interno della comunità slovena. La Juventina, invece, domenica giocherà in casa contro quel Chions primo della classe che è indicato un po’ da tutti come la squadra da battere in questa stagione, e che quindi sarà sulla strada della Pro nella lotta al vertice.

Peraltro la classifica dice che i goriziani potrebbero essere accanto ai friulani qualora arrivasse la conferma del successo nel recupero contro lo Zaule Rabuiese, a proposito del quale nelle scorse ore è stato respinto il ricorso presentato dalla società giuliana. Se non ci saranno ulteriori appelli (non esclusi dallo Zaule) si riprenderà dunque dal 7’ del secondo tempo, e dal risultato di 2-0 per la Pro, in una data da definire. Tornando alla partita che attende in anticipo la Pro Gorizia, i biancoazzurri di Fabio Franti non avranno a disposizione Antonino Catania e si troveranno di fronte una squadra in difficoltà, titolare del peggior attacco del torneo (con soli 11 gol segnati) e attualmente quartultima con 9 punti, in zona retrocessione. Il Kras Repen ha però tanta fame di risultati, e in casa ha fatto vedere le cose più positive quest’anno, battendo anche la Spal Cordovado per 2-1. L’altra unica vittoria collezionata dai carsolini in questa stagione, assieme a tre pareggi, fu guarda caso in riva all’Isonzo, e contro la Juventina, che anche per questo motivo spera in una sorta di vendetta sportiva indiretta per mano dei cugini.

La “Juve”, poi, domenica dovrà metterci del suo, e pure tanto, per uscire con qualcosa in mano dal campo sportivo di via del Carso e dalla sfida al super Chions. Lo farà in primis per se stessa, evidentemente, perché pur continuando a muovere la classifica nelle ultime settimane, serve uno scatto più deciso per allontanarsi dalla zona più calda della graduatoria. E’ vero che sul terreno amico di Sant’Andrea i goriziani non hanno mai perso quest’anno dopo averlo ritrovato, ma l’avversario di turno è di quelli proibitivi, e a capitan Andrea Racca e compagni servirà una grandissima prestazione: il Chions è una macchina da gol, può schierare quell’Emanuel Valenta che è capocannoniere e sin qui miglior giocatore del campionato, e arriva da una lunga serie positiva. Per il momento i gialloblù hanno frenato solo contro le grandi della classifica, e spesso dilagato con le altre. L’ultimo viaggio a Gorizia, sponda Pro, ha fruttato però solo un pari, e in riva all’Isonzo sperano che la trasferta possa risultare indigesta, anche questa volta, alla capolista. Con la Juventina che, almeno questa volta, avrà dalla sua anche tutti i tifosi della Pro Gorizia.