Di Matteo Femia

Ci sono solo due squadre ancora imbattute in tutto il ritorno nel girone E di Seconda categoria. In un caso parliamo di una big: si tratta della Manzanese che ha evitato la prima capitolazione del 2022 nel big match contro l’Isontina in pieno recupero ben oltre il 90’ una settimana fa. L’altra è una vera e propria sorpresa di questa seconda metà dell’anno. Un ko nell’anno nuovo la Fortezza l’ha subito, a gennaio in casa del Terzo, ma si trattava del recupero dell’ultima giornata d’andata: poi, una volta iniziato il girone di ritorno, i gradiscani hanno fatto percorso netto. E peccato per aver perso troppi punti nella prima metà della stagione, perché altrimenti sarebbe stata probabilmente lotta a tre per il vertice. D’altronde mister Fabio Maranzana aveva avvisato tutti proprio subito dopo lo stop di Terzo: “Quando qualche anno fa ero alla guida del Sistiana – raccontò – fummo protagonisti nel girone di ritorno di una rimonta clamorosa dalla zona retrocessione fino a garantirci la promozione. Bisogna crederci sempre”. Stavolta non ci sono speranze di rimonta ai danni della capolista Isontina, ma i gradiscani sono pienamente in corsa per un altro titulo, per dirla alla Mourinho: in Coppa Regione infatti i rossoblu hanno agguantato la qualificazione ai quarti, dove affronteranno il Tagliamento, battendo ai sedicesimi la quotata Ramuscellese e agli ottavi l’ostico Polcenigo Budoia. Insomma, occhio alla corsa della Fortezza, che inaugurerà domani pomeriggio alle 15.30 a Villesse la 25a giornata: in campionato vuole continuare il suo percorso netto, e in coppa vuole stupire ancora tutti.
Si, siamo imbattuti da gennaio – conferma il dirigente Dario Furlan – la squadra sta bene e ha disputato sinora un gran girone di ritorno e ha avuto un cammino splendido in coppa: vogliamo giocarcela con tutti, d’altronde abbiamo eliminato la Ramuscellese che è in testa al girone A e quindi possiamo dire la nostra contro qualunque avversario, comprese le favorite Isontina e Romana”. E peccato che tra dicembre e gennaio i gradiscani abbiano dovuto fare i conti con un focolaio di Covid che ha letteralmente impedito per settimane alla squadra di allenarsi. Senza quella frenata forse oggi la Fortezza potrebbe dire la sua anche in campionato, sebbene bisogna evidenziare come la continuità, in questo 2022 sinora senza cadute, non sia stata una delle caratteristiche dei ragazzi di mister Maranzana, capaci di grosse imprese (basta chiedere alle corazzate Manzanese e Sovodnje, entrambe rallentate poche settimane fa dai gradiscani) così come di scivolate clamorose (emblematico in tal senso il pareggio interno contro il non irresistibile Mossa).
Ma sulle montagne russe rossoblu ci si vuole ancora divertire: tra campionato e coppa, a Gradisca si sogna una primavera in grande stile.