di Marco Fachin

Riproduzione vietata ©

Pari e patta alla fine tra Trieste Victory Academy e Ronchi, con i triestini che continuano così il loro buon momento e i bisiachi che salgono a quota 30, mantenendosi lontani dalle zone pericolose.

La Victory invece è a 25, fuori momentaneamente dalla zona playout e ad oggi quindi salva.

La partita tra le due squadre è stata scoppiettante nella sua prima frazione, mentre un po' più sporca nella seconda.

Entrambi i team sono partiti forte, con la bella percussione del Ronchi però sprecata. Riconquista palla da parte di Hoti per la TVA, percussione a destra fino a dentro l'area, rientro sul sinistro e buon assist sul secondo palo per Romeo tutto solo. Al 4' è 1-0 per i padroni di casa.

Da lì alcune buone iniziative degli ospiti, che costringono i padroni di casa a rischiare prima l'autogoal e poi il rigore al 6' e 7' minuto.

Al 26' un bel tiro con il sinistro a rientrare di Maio costringe alla bella risposta in respinta il portiere ospite Passaro.

Al minuto 39 ecco il pareggio del Ronchi. Fuga  sulla destra del terzino Piccolo, traversone dal fondo in mezzo per Veneziano, appostato giusto dentro area. Diagonale della punta sul palo più lontano e 1-1, risultato con il quale si va al riposo.

Nel secondo tempo il gioco è stato più sporco, con meno giocate manovrate ma comunque con buone occasioni, nate più che altro da errori.

Al 52' traversa della Trieste Victory Academy con il numero 11 Loperfido. Tiro a scendere che è andato a impattare sulla traversa a Passaro battuto.

Ci prova magari un po' di più il Ronchi in un match comunque dominato dalla paura di perdere. Al 62' punzione dalla trequarti dal lato destro, palla sul secondo palo per Stradi fuori di un soffio.

Al 67'  bella percussione degli ospiti sulla destra di Visintin che, arrivato al limite dell'area, ha scaricato per Adam che da buona posizione spara però alto

Partita che si avvia verso il pareggio ma che potrebbe vivere il suo momento decisivo al 91', quando per un errore difensivo della TVA Veneziano parte in contropiede, arrivando a tu per tu con il portiere di casa Catania, ma calcia incredibilmente fuori da ottima posizione (palla forse deviata dal ritorno di un difensore di casa).

Finisce dunque 1-1, con i goal dei due numeri 10  a suggellare un risultato tutto sommato giusto.