Tre turni di squalifica a Nicola Princivalli: il mister del Cjarlins non ci sta

A seguito dell’espulsione di Nicola Princivalli durante il derby Cjarlins Muzane-Manzanese, il Giudice Sportivo ha comminato tre giornate di squalifica al tecnico arancioazzurro “per avere rivolto espressione offensiva e implicante discriminazione per ragione di origine territoriale all’indirizzo del Direttore di gara (Domenico Mirabella, della sezione di Napoli, ndr) mentre colpiva con un pugno la propria panchina” (come si legge nel comunicato ufficiale).

In riferimento al provvedimento disciplinare Nicola Princivalli precisa quanto segue: “Non contesto l’espulsione, che è sacrosanta, per il pugno con cui ho colpito la panchina, però non accetto che venga infangato il mio nome per una cosa che non ho detto: in nessun modo, infatti, mi sono rivolto verso il sig. Mirabella utilizzando termini discriminatori. Posso accettare la squalifica di tre giornate per il gesto che ho compiuto, ma respingo fermamente quanto riportato nel comunicato ufficiale perché non ho utilizzato un linguaggio irrispettoso delle origini territoriali del direttore di gara. Comportamenti di discriminazione territoriale non mi appartengono e mai mi apparterranno. Non fanno parte della mia persona e li ho sempre stigmatizzati senza esitazione”.

La società Cjarlins Muzane, in accordo con l’allenatore della prima squadra e in suo supporto, ha quindi deciso di presentare ricorso avverso la squalifica sancita dal Giudice Sportivo Aniello Merone.

Nelle prossime tre giornate, la squadra celeste arancio ha in programma le sfide con il Chions in casa il 5 maggio, a Campodarsego il 9 maggio e a Porto Tolle sul campo del Delta il 16 maggio prossimi.