Sfumato il sogno serie D di Pro Gorizia e San Luigi

di Francesco Tonizzo

A 180 minuti dal termine del torneo di Eccellenza veneto, nel girone B, le due squadre del Friuli Venezia Giulia impegnate, la Pro Gorizia e il San Luigi, non hanno più possibilità di lottare per la promozione in serie D. Gli isontini hanno racimolato 8 punti, frutto di due vittorie, due pareggi, l’ultimo in extremis domenica scorsa a Martellago, e tre sconfitte; i giuliani non hanno ancora vinto e hanno in saccoccia tre punti, frutto di tre pareggi e quattro sconfitte, l’ultima domenica a Spinea.
La lotta per il salto di categoria riguarda la capolista Giorgione Castelfranco Veneto, davanti a tutti con 15 punti (5 vittorie e due sconfitte) e le più immediate inseguitrici: Spinea, Sandonà e Calvi Noale, seconde in graduatoria a quota 14. La matematica offre ancora una flebile possibilità anche al Portogruaro, che però ha solo 10 punti e vede la serie D molto distante.

A Martellago, la Pro Gorizia ha pareggiato per 1-1 grazie al goal realizzato da Ben Ime Akam nei minuti di recupero del secondo tempo, a bilanciare la rete dell’iniziale vantaggio veneto, arrivata a metà della seconda frazione con un rigore segnato da Matteo Faggin. La divisione della posta è parsa il risultato più giusto: i biancazzurri del mister Fabio Franti hanno avuto occasioni sia nel primo, sia nel secondo tempo, così come i padroni di casa. Nelle prossime due partite, domani in casa con lo Spinea (fischio d’inizio alle 17, arbitro Mattia Fiorentino di Ercolano, assistenti Ermal Guze di Udine e Diego Sokolic di Trieste), l’ultima sul campo della cenerentola Robeganese, la Pro Gorizia può giocare in serenità, pensando a divertirsi e a divertire, sapendo che quella maturata è tutta esperienza utile a ripresentarsi al via della prossima stagione come protagonista annunciata.

A Spinea, il San Luigi ha perso per 5-1, però sono parecchi gli elementi che portano a considerare tutto sommato positiva la spedizione in terra veneziana dei muli del mister Davide Ravalico, che ha annunciato ufficialmente che non sarà più l’allenatore del team del presidente Ezio Peruzzo nella prossima stagione. I biancoverdi sono passati in vantaggio ad inizio gara, con un goal di Andrea Mazzoleni. Nel giro di pochi minuti, lo Spinea ha realizzato due goal, con Francesco Barbon e Riccardo Brugnolo. Pur in svantaggio, il San Luigi non ha mollato la presa e, ancora con Mazzoleni, ha chiesto invano un calcio di rigore, a dimostrazione che la partita era in equilibrio. Il terzo goal dei veneti, in scadere di primo tempo con Davide Cendron ha però spento gli ardori giuliani e, nella ripresa, i padroni di casa hanno dilagato, con un rigore contestato dai triestini e un quinto goal a pochi minuti dal triplice fischio finale. Domani (arbitro Lorenzo Casali di Crema, assistenti Elia Betello di San Dona’ di Piave e Riccardo Furlan di Chioggia) il San Luigi sarà in casa del Giorgione capolista e poi chiuderà il torneo tra le mura amiche con il Portogruaro. L’obiettivo è fare il meglio possibile, considerando la forza delle avversarie.