Serie D: il duello Trento v Manzanese si infiamma

di Francesco Tonizzo

La seconda di ritorno del campionato di serie D è stata favorevole soprattutto al Trento, che con lo scalpo a domicilio del Porto Tolle, ha allungato a +5 sulla Manzanese in vetta alla classifica del girone C: 43 i punti dei trentini del mister Carmine Parlato, 38 i punti degli orange di Roberto Vecchiato, che oggi hanno presentato nientemeno che Felipe Dal Belo, nuovo acquisto che finalmente potrà scendere in campo con la squadra con la quale si allena da mesi e della quale è già parte integrante e che, secondo i rumors di calcio mercato, sta per annunciare anche l’innesto di Andrea Boscolo Papo, ex Mestre e Modena, in arrivo dalla Adriese, che oggi ne ha annunciato ufficialmente il passaggio alla corte del presidente manzanese Filippo Fabbro.

A questo punto, anche considerando che lo scontro diretto dell’andata tra Trento e Manzanese si deve ancora giocare (e la data del recupero è ancora ignota), ci sono tutti gli elementi per affermare che sarà proprio quella tra i trentini e gli Orange friulani la sfida per la promozione in serie C. Con tutto il rispetto per Clodiense, Belluno e Mestre, le altre squadre che inseguono le due di testa in zona play-off.

Il 4-0 rifilato dal Cjarlins Muzane all’Union Feltre garantisce un triplice beneficio agli arancioazzurri del presidente Vincenzo Zanutta. In primis, riporta il sereno dopo alcuni risultati non all’altezza delle aspettative societarie: già questo basterebbe per archiviare con il sorriso la partita del Della Ricca. Va sottolineato, inoltre, che ha permesso ai friulani di battere nettamente una concorrente diretta in zona salvezza: vero che il Cjarlins Muzane era partito con mire ben più ambiziose, però al momento la classifica dice che capitan Nicola Tonizzo e compagni hanno 26 punti e sono a +4 dai play-out e a -7 dall’ultimo posto utile in zona play-off. C’è dunque da consolidare la propria posizione, prima di iniziare coi voli pindarici che, con un Simone Butti così e la prova generale offerta da tutti i carlinesi, sono in ogni caso alla portata del Cjarlins. In terza battuta, la vittoria contro l’Union Feltre ha riportato in auge giocatori come Simone Tonelli e Luka Spetic, autori di una prestazione molto positiva, e ha sbloccato Dario Sottovia, che aveva sempre garantito generosità e impegno, ma che difettava di precisione sotto porta. Dunque, partita quasi perfetta per il redivivo Cjarlins Muzane, che tra l’altro ha colpito anche tre legni, tanto che il risultato poteva essere anche più rotondo: ora serve continuità di rendimento, per salire ai livelli di classifica che meritano gli investimenti societari.

In coda, il Chions ha perso 0-1 con la Clodiense, avversaria tosta e forse un po’ troppo fuori portata per il team del mister Fabio Rossitto, che comunque avrebbe meritato qualcosa in più, se non altro per l’impegno e la generosità messi in campo, specie nel primo tempo, e il gioco espresso. I pordenonesi del presidente Mauro Bressan restano ultimi a quota 13, a -3 da Ambrosiana e Campodarsego. anche se quest’ultima ha ancora almeno 4 partite da recuperare ed è plausibile che esca dalle secche del fondo classifica, però è giusto affermare che con 17 partite ancora da disputare, tutti i giochi sono aperti: basta un mini-filotto di risultati positivi affinché il Chions possa ambire a rientrare in piena corsa per la salvezza. Le prestazioni di Luca Urbanetto e compagni sono sempre positive, il gruppo c’è e segue il mister Rossitto.

Mercoledì 24 si torna in campo per la terza di ritorno.
La Manzanese, con Felipe ancora ai boxe e con Bevilacqua e Capellari acciaccati, ospita la Virtus Bolzano, che all’andata sconfisse i friulani per 3-1: fischio d’inizio alle 14.30, arbitro Stefano Peletti di Crema, assistenti Gilberto Laghezza di Mestre e Stefano Papa di Chieti; diretta sulla pagina facebook della Manzanese.
Il Cjarlins Muzane è di scena a Sedico, sul campo dell’Union San Giorgio: arbitro Riccardo Boiani di Pesaro, assistenti Carlo De Luca di Merano e Simone Conforti di Salerno. Infine, il Chions scende in campo a Mestre: arbitro Giuseppe Lascaro di Matera, assistenti Francesco Bentivegna di Agrigento e Lorenzo Chillemi di Barcellona Pozzo di Gotto.

Le altre: Belluno – Arzignano Valchiampo, Caldiero Terme – Adriese, Luparense – Cartigliano, Montebelluna (esonerato il mister Daniele Pasa) – Campodarsego, Union Clodiense – Delta Porto Tolle, Union Feltre – Ambrosiana.