SECONDA GIORNATA: IL PUNTO DEL LUNEDI

di Francesco Tonizzo

Alla vigilia della seconda di andata dei campionati dilettanti in Friuli Venezia Giulia avevamo posto dei quesiti riguardo alle potenzialità di alcune squadre, che erano sotto i riflettori dopo il primo, scoppiettante turno, sette giorni prima.
Se, in Eccellenza, in vetta alla graduatoria ci sono due big con ambizioni e struttura di livello come Tamai e Torviscosa, assieme al solido e ben allenato Fiume Veneto Bannia e alla giovane e sorniona Virtus Corno, nei due gironi di Promozione l’equilibrio generale ha già iniziato ad imporre la propria legge, tanto che due squadre per raggruppamento si ritrovano in testa imbattute, Torre e Sanvitese nel girone A, Trieste calcio e Zaule Rabuiese nel girone B, avendo curiosamente tutte vinto per 2-1 i rispettivi incontri di ieri. Soprattutto nel girone B di Promozione, non esistono già più squadre a zero punti, tutte hanno mosso la classifica, anche solo con almeno un pareggio nelle prime due giornate: segnale evidente che i valori in campo sono piuttosto omogenei, a tutto vantaggio dell’incertezza sportiva e dello spettacolo da attendersi nel prosieguo del campionato.

Scendendo nelle categorie inferiori, in Prima spicca in special modo l’avvio di stagione di un Rivolto esuberante in fase realizzativa: due vittorie, dieci goal già segnati e un’autorità da grande squadra espressa dal team di Mister Lorenzo Berlasso. Al ritmo del quale, in vetta al girone A, resiste, per adesso, solo il Vigonovo, altrettanto vivace in fase offensiva e abile a superare prima l’Union Pasiano a domicilio e ieri l’Unione Smt nell’esordio stagionale al “Silvano Pignat”.
Nel girone B, sono Aurora Buonacquisto Remanzacco e Colloredo di Montalbano le due formazioni ancora imbattute. La squadra di Bianchin , con la rete decisiva di Mussutto a metà del secondo tempo, ha regolato la generosa Comunale Gonars, passato per due volte in vantaggio con Genovese, prima di subire la rimonta dei remanzacchesi, mentre i collinari ringraziano il rigore di Marco Alghina che ha rotto l’equilibrio nel match contro la Fulgor Godia.
Nell’equilibrato girone C, l’unica squadra ancora a punteggio pieno è il Domio, davanti a tutti grazie alla pirotecnica vittoria per 4-3 nel derby con la Roianese, alla quale va l’onore delle armi: con la doppietta di Maio e le realizzazioni di Lapaine e Grando, i ragazzi del mister Biloslavo sono riusciti a superare gli avversari, per i quali sono stati inutili i goal di Cauzer, Moriones e Ciardullo su rigore.

In Seconda categoria, nel girone A è bastato il goal di Poletto, alla capolista Polcenigo Budoia per espugnare Spilimbergo, mentre l’altra imbattuta, la Sap Ramuscellese ha regolato per 3-2 la Liventina, alla quale non è stata sufficiente la doppietta di Martin. In questo gruppo, doveroso segnalare il roboante 7-0 con il quale Gravis aveva battuto il malcapitato Valvasone nell’anticipo di sabato.
Nel girone B, il poker rifilato dall’Arzino al Treppo Grande mantiene in vetta alla classifica la squadra del Mister Chieu, che già all’intervallo aveva la vittoria in tasca. Con i gialloblu del presidente Tosoni, in testa alla classifica ci sono anche i Rangers Udine, che hanno vinto il derby cittadino con l’Udine United per 3-2 (era 3-0 al quarto d’ora del secondo tempo, prima della doppietta di Croatto), e il Cussignacco, al quale è stato sufficiente il goal di Candon all’inizio del secondo tempo per espugnare il campo del Glemone. Attacchi ispirati e difese allegre nella sfida di Ciconicco, dove i padroni di casa del Car hanno perso per 5-6 con l’Udine Keepfit Club.
Nel girone C, il terzetto formato da Morsano, Cormonese e Trivignano tiene la pole position. Soprattutto gli isontini del mister Peroni appaiono una macchina da goal già ben oliata, considerando che dopo il tris rifilato all’esordio al Villanova in trasferta, ieri ne hanno segnati quattro all’Union 91.
Nel girone D, il primato dell’Audax Sanrocchese è il premio a un club che ha sofferto noie logistiche con l’impianto di via Baiamonti, ancora in fase di ammodernamento: la speranza per i goriziani del Mister Tunini è che tutto si possa risolvere al più presto e che le buone cose espresse sul rettangolo di gioco in queste prime giornate possano, ove possibile, dare una mossa anche alla burocrazia e alle ditte impegnate al campo sportivo.