San Luigi: la capolista attende la ripartenza

di Francesco Tonizzo

Cinque vittorie e un solo stop, nel turno d’esordio al “Simonetti” sul campo della Gemonese, venti goal fatti, di gran lunga il miglior attacco del campionato (anche se con la complicità della Pro Cervignano Muscoli che ne ha incassati 8 in un colpo solo contro i muli biancoverdi): il San Luigi guarda tutti dall’alto verso il basso nel campionato di Eccellenza in Friuli Venezia Giulia. Se c’è una squadra che può masticare amarissimo per lo stop al torneo imposto dalle dinamiche legate al Covid, quella è proprio la formazione del presidente Ezio Peruzzo. Prima dell’interruzione, il San Luigi veleggiava con il vento in poppa.

Il direttore sportivo Maurizio Crespa è serafico nel commentare la situazione: i ragazzi del mister Davide Ravalico non si sono fermati, anzi.
A dir la verità, noi abbiamo continuato a fare qualcosa, ovviamente sempre rispettando i protocolli. Una paio di volte alla settimana ci troviamo per svolgere attività individuale, senza utilizzo degli spogliatoi: abbiamo lasciato libera scelta ai giocatori, senza imporre niente. Qualcuno dei veterani che ha famiglia ha preferito allenarsi per conto proprio. Quindi, seppur in maniera molto blanda, la nostra attività è andata avanti“.

Ammesso che abbia senso modificare l’assetto della squadra prima in classifica, che al momento dello stop veniva da cinque vittorie consecutive, avete qualche idea per muovervi sul mercato?
Assolutamente no. Il primato in campionato dopo sei partite non è che sia un dato così indicativo. Piuttosto, pensiamo di avere una squadra competitiva sia sotto l’aspetto tecnico, sia numerico. Poi sapete che il San Luigi è in prima linea soprattutto con il settore giovanile, quindi se mai dovessimo aggiungere qualcuno lo pescheremmo di sicuro dal nostro vivaio“.

Quando si riprenderà a giocare?
Ad essere ottimisti, non credo prima di febbraio. Mettiamo che si possa riprendere a metà gennaio, ci vorrà almeno un mese per recuperare una condizione atletica sufficiente. Anche i format prospettati dal presidente Ermes Canciani alla riunione di Palmanova, alla quale pure io ho contribuito con un’idea di formula del campionato per ripartire, si può andare avanti fino a marzo per terminare il girone di andata. Verosimilmente è la cosa più logica. Poi play-off con margine inferiore a 4 punti, come mi pare sia stato deciso“.