Ruzza: L’Eccellenza in Veneto riparte ai primi di marzo

L’Eccellenza in Veneto si può giocare ai primissimi di marzo”. Parole e musica di Giuseppe Ruzza, presidente del Comitato regionale della LND veneta. Intervenuto in diretta a “Diritto Di Cronaca”, la nostra trasmissione domenicale, in collegamento con i campi dell’Interregionale, il numero uno di Via della Pila si è sbilanciato con relativa sicurezza riguardo alla ripresa del massimo campionato regionale gestito dal suo Comitato.
Già sabato, a margine dell’Assemblea elettiva della Lega Nazionale Dilettanti che ha confermato Cosimo Sibilia alla carica di presidente, il numero uno del calcio regionale del Friuli Venezia Giulia Ermes Canciani aveva auspicato la ripartenza dell’Eccellenza ad aprile, grazie alla richiesta fatta al Coni di inserire questo torneo tra quelli di interesse nazionale, considerando l’interscambio di società tra Eccellenza e l’Interregionale.
Bepi Ruzza, omologo di Ermes Canciani in Veneto, ha rilanciato con una visione ancora più ottimistica.

Giuseppe Ruzza

Poiché l’Eccellenza è un torneo collegato con i campionato nazionale – ha spiegato Ruzza, al microfono di Nicola Pittalis, con Lucio Dal Molin in studio – e, di conseguenza, assumerà rilevanza nazionale, partirà ai primi di marzo. E’ chiaro che la decisione di riprendere l’attività dipende da tanti fattori, però se il Veneto rimarrà in zona gialla, da noi si potrà iniziare. Già lunedì (8 febbraio, ndr) partirà la richiesta al Coni per il riconoscimento di campionato di interesse nazionale. Il Coni entro breve tempo dovrà rilasciare l’autorizzazione all’utilizzo degli impianti”.

A meno che non succeda il finimondo con il virus – ha proseguito Bepi Ruzza – e la situazione regredisca, tra un mese l’Eccellenza in Veneto tornerà in campo: vogliamo ripartire. Sarebbe un segnale anche per tutte le altre categorie. Adesso non si può far altro che aspettare che scada il DPCM, il 5 marzo, poi verificheremo la situazione”.

La speranza di tutti gli interessati, giocatori e dirigenti di società in primis, è che queste non siano solo parole e che si possano tramutare in fatti concreti.