Futsal: rammarico e beffa per Udine CFS e Palmanova

di Francesco Tonizzo

Con il recupero di Olympia Rovereto – Udine City Futbol Sala, terminato sul 5-4 in rimonta da parte dei trentini, e di Cornedo – Bipan Palmanova, chiuso in parità sul 6-6, è stato completato anche il programma della quarta e della settima d’andata del girone B di serie B di calcio a 5.
Gli udinesi del mister Tita Pittini sono usciti da palaDonMilani di Rovereto con un pizzico di rammarico perché, come già a Vazzola, i bianconeri hanno ceduto nel finale di una partita giocata bene e con la giusta verve agonistica. Dopo l’iniziale vantaggio dei padroni di casa, l’Udine City Futbol Sala si è ritrovata avanti 2-3 alla fine del primo tempo, grazie ai goal di Slavica Goranovic, opportunista sotto porta nel convertire il tap-in dopo un tiro di Diego Guidolin, del “ninhoMartinez Rivero, capace di un piattone di sinistro che si è infilato nel sette, raccogliendo una corta respinta del portiere trentino su un tiro di Amor Chtioui, e di Nils Turolo con una staffilata da calcio piazzato. Come purtroppo spesso capita, i friulani sono calati nel finale di tempo e, sul punteggio di 1-3, hanno incassato il goal del Rovereto all’ultimo secondo della prima frazione, a causa una sfortunata deviazione di Mattia Fabbro su un tiro non trascendentale di un giocatore trentino.
A quel punto, la Dolomiti Energia Rovereto ha ritrovato slancio e, dopo l’intervallo, nonostante l’impegno del portiere udinese Stefano Tomasino, i padroni di casa hanno pareggiato sul 3-3 a metà secondo tempo e poi hanno realizzato in contropiede il goal del 4-3, entrambe le circostanze con Hassan Moufakir.
Ancora Goranovic, pareggiando sul 4-4, ha dimostrato che l’Udine City Futbol Sala è squadra tignosa: almeno il pari, a quel punto, sarebbe stato meritato dai bianconeri, che però, incocciando più volte sul portiere della Dolomiti Energia Leonardo Ceschini e perdendo il mister Pittini, espulso a tre minuti dal termine per doppia ammonizione causa proteste, ha incassato il goal del definitivo 5-4, realizzato da Thyago a 2’04” dalla sirena finale.
L’Udine City Futbol Sala resta a quota 23 punti, a metà del guado in classifica: con un pizzico di continuità in più, visti i punti persi nei finali delle ultime partite, sarebbe a ridosso della zona play-off.

Rocambolesco ed incredibile il pareggio di Palmanova in quel di Cornedo, avversaria diretta del team del mister Giuseppe Criscuolo in chiave salvezza. Ritrovatasi sotto 4-0, dopo un avvio di gara certamente non all’altezza di un match così delicato, la Bipan ha realizzato con Slavica Bozic il goal del momentaneo 4-1, al 18’ del primo tempo. Nella ripresa, s’è presentata in campo un’altra squadra, più libera sotto l’aspetto mentale – d’altronde: a quel punto non c’era più nulla da perdere – e più determinata. Sul 5-2 di metà secondo tempo, i friulani si sono letteralmente scatenati e, con i goal in sequenza di Klemen Sluga, Luigi De Blasi, Jaka Sovdat e ancora Bozic, sul 5-6 pareva che la vittoria potesse prendere definitivamente la strada di Palmanova. A 40” dal termine, la beffa per i friulani si è materializzata con un’autorete su un tiro del thailandese Kanchai Suksomkorn e le due squadre si sono divise la posta in palio.
Con un punto a testa, Cornedo sale a quota 15, Palmanova a 13: uno sforzo abbastanza inutile per i friulani, che sognavano il sorpasso a danno dei veneti e che ora si ritrovano la strada per la permanenza in serie B ancora più in salita.