Ermes Canciani: “Auspico una ripresa ai primi di febbraio”

di Francesco Tonizzo

La Federazione Italiana Giuoco Calcio, unico ente al quale compete la modifica delle formule dei campionati, ha autorizzato la possibile riforma dei tornei dilettanti, dall’Eccellenza in giù. Giusto ieri, l’organismo federale ha dato l’ok alla proposta sottoposta dalla LND, per conto dei Comitati Regionali.
Ermes Canciani, presidente del comitato LND del Friuli Venezia Giulia, spiega la situazione.
La Federazione ha aperto a questa possibilità: al momento della ripartenza, si tratta di terminare il girone d’andata e poi andare a giocare una post season, con play-off promozione e play-out per evitare la retrocessione, sfruttando anche l’opportunità concessa dalla FederCalcio, di estendere la stagione fino al 31 luglio“.

Restano due dubbi.
Il primo: quando riprendere il campionato?
Dipenderà tutto dalla situazione che avremo il 15 gennaio, alla scadenza degli effetti dell’ultimo DPCM. Adesso è impossibile sapere cosa succederà, perché non possiamo conoscere con certezza l’evolversi dei contagi e dei numeri dell’emergenza. Se davvero dopo il 15 gennaio sarà liberalizzata l’attività sportiva agonistica, allora il mio pensiero è fare non due come dice qualcuno, ma tre settimane di pre-campionato. In questo senso, il mio auspicio è poter iniziare dopo tre settimane di allenamenti, il 7 febbraio“.

Il secondo: quante squadre accederebbero alla post season?
Anche questo dettaglio sarà deciso in base alla data della ripresa. E’ chiaro che, per quanto riguarda il Friuli Venezia Giulia, serve ragionarci bene soprattutto in merito all’Eccellenza, che da noi conta venti squadre. Per quanto riguarda i campionati dalla Promozione in giù, che hanno gironi da sedici squadre, è importante definire la data di inizio. Sui numeri di squadre ammesse alla post season, la decisione spetterà alla LND, che definirà anche il numero di punti di distacco tra le squadre, 4 o 7 che siano, utili a stabilire se giocare o no i play-off e i play-out“.

Se mai servisse, il presidente della LND Fvg Ermes Canciani ha dunque dato una ragione in più per rispettare al 100 per cento protocolli: favorire gli effetti positivi ai quali punta il DPCM, per poter tornare di nuovo in campo dopo Natale, tra un mese. In fin dei conti, per i dilettanti, le feste natalizie hanno sempre rappresentato un momento di pausa e di distacco dal calcio giocato, quindi non dovrebbe essere così difficile aspettare in pieno inverno. Ovviamente, al netto del fatto che il pallone, le partite, l’adrenalina del terreno di gioco e la passione sportiva mancano a tutti da troppo tempo.