Eccellenza: Pro Gorizia corsara, San Luigi troppi goal subiti

Alla terza di campionato, nell’Eccellenza veneta 2021, è arrivata la prima vittoria della Pro Gorizia, che ha espugnato il campo del Calvi Noale per 2-3, al termine di una gara nella quale è successo di tutto, tra proteste per rigori mancati, goal annullati e quant’altro. Tre punti che valgono agli isontini del mister Fabio Franti l’aggancio proprio del Calvi a quota 4 punti, a -3 dalla vetta nella quale siede l’imbattuta Sandonà, peraltro fermata sull’1-1 dallo Spinea, l’unica altra squadra ancora imbattuta.

La Robeganese è l’unica rimasta al palo, avendo incassato a Martellago la terza sconfitta in tre giornate. Il San Luigi ha invece capitolato a Motta di Livenza, perdendo per 2-0 e incassando un goal per tempo: per i biancoverdi del mister Davide Ravalico si tratta di uno stop forse già vessatorio per eventuali ambizioni di classifica. Al di là della sconfitta, contro un’avversaria quotata, preoccupa la porosità difensiva dei muli del presidente Ezio Peruzzo, che hanno sempre subìto almeno 2 goal in ogni gara, vieppiù ben 5 nel turno precedente casalingo per mano della capolista Sandonà.

Se il San Luigi è la peggior difesa del torneo con 9 goal incassati, la seconda in graduatoria è proprio la Pro Gorizia, con 6 goal subiti: i biancazzurri del presidente Franco Bonanno si rifanno però con i 6 goal realizzati, che permettono a Jacopo Grion e compagni di far quadrare i conti, almeno per ora.

In generale, tra i risultati registrati nelle prime tre giornate dell’Eccellenza veneta, stupiscono soprattutto le due sconfitte già maturate dal Portogruaro, partito con l’ambizione di vincere il campionato e oggi fermo a quota 3, dopo aver perso nel fine settimana anche in casa con il Giorgione per 0-3, trascinato da Nicolò Visinoni, autore dei primi due goal, entrambi in fase di ripartenza, che hanno indirizzato la partita verso Castelfranco Veneto.

Con sei giornate ancora da disputare, è ovvio che i giochi per il primato siano ancora da decidere. In quest’ottica, il prossimo turno appare uno snodo già importante perché proprio il Giorgione ospiterà il Calvi Noale, che dovrà per forza fare risultato per non perdere contatto con le zone nobili della graduatoria, mentre la Liventina sarà di scena alla Campagnuzza di Gorizia, all’arena Enzo Bearzot, per testare le reali capacità degli isontini di puntare ai piani alti. Il tutto, mentre il Sandonà farà visita alla Robeganese nel classico scontro testa coda.