ECCELLENZA FVG SECONDA GIORNATA: IL PREVIEW

di Francesco Tonizzo

La seconda giornata dei campionati dilettanti in Friuli Venezia Giulia rappresenta un’opportunità importante per gustarsi già degli scontri ricchi di pathos ed interessi sportivi di alto profilo.

In Eccellenza, non crediamo di far torto ad alcuno se consideriamo la sfida di Tamai tra le Furie Rosse padrone di casa e il Brian Lignano come il big match del turno; si gioca domenica alle 15 (Arbitro Poggi di Forlì, assistenti Lendaro e Bitta).
Tra i padroni di casa i riflettori sono puntati non tanto sul campo, quanto subito fuori: il mister tamaiese Gianluca Birtig e il direttore sportivo Fabio Berti sono freschissimi ex di turno. Entrambi nella passata stagione erano al Brian, laddove militavano anche Zossi e Piasentin. Per loro è evidente che non sia una partita come le altre perché hanno un peso rilevante la motivazione e l’ambizione di dimostrare di essere all’altezza di un club di tradizione e spessore come il Tamai, sfidando proprio la società dalla quale provengono. Sette giorni fa, la squadra del presidentissimo Elia Verardo ha vinto per 1-5 a Tricesimo, con tripletta di Alcantara e doppietta di Pontarelli: la dimostrazione di solidità ed autorità espressa dalle Furie Rosse è stata impeccabile, anche se occorre capire quanto di suo ci abbia messo un remissivo Tricesimo, che già dopo meno di un quarto d’ora era sotto di due reti.
Per contro, il Brian Lignano ha rivoluzionato il programma che proprio Fabio Berti aveva contribuito a sviluppare negli ultimi anni, permettendo al club di Precenicco di arrivare in Eccellenza fino alla fusione con i gabbiani lignanesi di Marino Scudeller. Anche a causa dell’utilizzo dello stadio Teghil da parte del Pordenone di serie B, il Brian è tornato a giocare al Commisso di Precenicco, che però è ancora in fase di ristrutturazione. Nel turno d’esordio con la Pro Gorizia, la squadra di Luigino Sandrin (squalificato e sostituito da Lorenzo Stefani in panchina), peraltro priva dell’ex Tamai Borgobello, ha giocato un discreto primo tempo, subendo il ritorno degli isontini nel secondo tempo: il gol del centrale difensivo De Marc ha dato i primi tre punti al Brian, per il quale il test a Tamai è probante in merito alle ambizioni dei biancoblu.

I due sottoclou della seconda giornata di Eccellenza sono San Luigi v Pro Fagagna e Pro Gorizia v Gemonese.
Nella prima partita (arbitro Toselli di Gradisca, assistenti Salvi e Fragiacomo), i triestini del presidente Peruzzo, appena retrocessi dalla serie D, hanno perso una partita strana al Simonetti di Gemona domenica scorsa, probabilmente scossi dall’infortunio a Leo Caramelli, per fortuna senza conseguenze per il difensore classe 1999, trattenuto in osservazione in ospedale dopo lo scontro con il pedemontano Pitau. Il tasso tecnico di squadra e le individualità di spicco dei triestini fanno pensare che le ambizioni del San Luigi siano sempre di alto profilo e l’arrivo all’ombra del colle di San Giusto della Pro Fagagna di mister Pino Cortiula, sicuramente non contento della prestazione dei suoi dopo il 2-2 casalingo con il Codroipo di domenica scorsa, può rappresentare motivo di parecchia curiosità.
Alla Bearzot Arena della Campagnuzza (arbitro Biscontin di Pordenone, assistenti Turno e Miani), invece, la Pro Gorizia del mister Fabio Franti è chiamata a concretizzare di più la mole di gioco che ha espresso soprattutto nel secondo tempo di Precenicco, sabato scorso. Pillon, Bardini, Marjanovic e compagnia dovranno essere efficaci sotto porta, come non lo sono stati dinnanzi al Brian. Dall’altra parte, la Gemonese, con i tanti cilindri sloveni nel motore, ha iniziato col piglio giusto il campionato e, dopo una stagione interlocutoria come quella precedente, il sodalizio del presidente Pino Pretto vorrà sicuramente vivere un campionato con meno ansie in ottica salvezza e dare subito continuità al successo col San Luigi diventa fondamentale in tal senso.

L’anticipo.
Si gioca sabato alle 16 allo stadio Cudiz di Corno di Rosazzo la sfida tra i padroni di casa della Virtus Corno e la Pro Cervignano Muscoli: arbitro Curri di Gradisca, assistenti Carlevaris e Ponti.
All’esordio, i virtussini del mister Stefano Caiffa hanno vinto a Lumignacco capitalizzando al meglio il gol di Walmir Gashi, veterano di mille battaglie, tornato alla corte del presidente Libri per dare consistenza al reparto offensivo. Occorrerà però maggiore solidità nell’impianto di gioco corale per avere la meglio sulla Pro Cervignano Muscoli che, come da tradizione delle squadre allenate da Gianni Tortolo, fa della compattezza e della lucidità tattica due delle proprie migliori armi. Il pareggio per 1-1 all’esordio con il Ronchi ha detto che i gialloblu della Bassa sono ancora in rodaggio: il test di Corno servirà anche a capire di più sulle reali possibilità della Pro Cervignano di ripetere l’ottima stagione passata, quando da neopromossa si era inserita nelle zone nobili della graduatoria.

Le altre:
Fontanafredda – Spal: Riahi di Lovere (Scafidi – Facca)
Primorec – Tricesimo: Piccoli di Mestre (Nardella – Scremin)
Rive d’Arcano Flaibano – Chiarbola Ponziana: Nadal di Pordenone (Polo Grillo – Venir)
Ronchi – Fiume Veneto Bannia: Trotta di Udine (Mansutti – Guze)
Torviscosa – Lumignacco: Luglio di Gradisca d’Isonzo (Ferretti – Cesarin)
Codroipo – Sistiana: Toffoletti di Udine (D. Bignucolo – O. Bignucolo)