Annullata la Coppa Italia di serie D

La Lega Nazionale Dilettanti, attraverso un post sulla propria pagina facebook, ha ufficialmente annullato la Coppa Italia di serie D, rinviandola alla stagione 2021/22.
La motivazione espressa ha tirato in ballo la necessità di attendere gli esiti dei procedimenti presso la giustizia sportiva che definiranno nei prossimi giorni la composizione degli organici del Campionato 2020/21, il cui inizio è comunque confermato per il 27 settembre.

Al netto di tutte le difficoltà che il Covid-19 ha generato, pur considerando le problematiche logistiche e le necessarie tempistiche di atti ufficiali che devono passare attraverso diversi gradi di burocrazia, appare una situazione grottesca. Ci sta che la LND abbia voluto privilegiare l’aspetto organizzativo del Campionato, ma si poteva forse arrivare prima alla soluzione di annullare la Coppa Italia.

Data la particolare formula della Coppa (le vincitrici delle fasi regionali divise in gironi che qualificano otto club che poi si disputano il trofeo dai quarti di finale in avanti e finalissima in gara secca), lo spettacolo sarebbe anche servito per calibrare al meglio la forma dei giocatori che avrebbero partecipato alla manifestazione.

Per quanto riguarda la serie D, dunque, non resta che aspettare l’inizio del campionato, assistendo alla messa in scena degli “allenamenti congiunti”, come vengono chiamate le amichevoli e gli scrimmage tra squadre diverse.
Le fasi regionali della Coppa Italia dilettanti, dall’Eccellenza in giù, invece, rappresenta il primo, vero test stagionale per le nostre squadre. E, almeno quello, nel weekend parte con tutto il carico di entusiasmo e di speranze.