Il “Franco Commisso” è quasi pronto per la ripartenza del Brian

di Francesco Tonizzo

Cosa chiedono a Babbo Natale le squadre dell’Eccellenza del Friuli Venezia Giulia? Di sicuro, quello che chiedono tutte le squadre, di tutte le categorie, di tutte le discipline sportive: poter ricominciare in sicurezza a giocare il prima possibile. Non fa eccezione il Brian Lignano, ottavo in classifica con 11 punti al momento dell’interruzione della stagione 2020/21.

Il sodalizio della Bassa, frutto dell’unione sportiva e d’intenti di due anni fa tra il Brian Precenicco e il Lignano, sta alla finestra ad osservare la situazione. Nel frattempo, sono quasi terminati i lavori di ammodernamento della tribuna del “Franco Commisso”, il campo sportivo di Precenicco dove i Gabbiani del mister Luigino Sandrin hanno deciso di giocare, sia per l’arrivo del Pordenone calcio di serie B al “Guido Teghil” di Lignano, sia anche per una più efficace identificazione con la comunità di Precenicco, alma mater della dirigenza.

Il direttore generale del Brian, Ermanno Tomei, uno che in carriera, prima da giocatore e poi da allenatore, ha lavorato in piazze importanti, come Pordenone e Sanvitese per citarne solo un paio, ci spiega lo stato dell’arte a Precenicco.

I ragazzi stanno allenando con il prof. con un programma in videoconferenza, lavorando per conto proprio, ma stiamo pensando di stoppare tutto, almeno finché non saremo a conoscenza delle tempistiche di ripartenza. Quando poi si deciderà di ripartire, la preparazione pre-campionato sarà necessaria: dipende da quel che dirà il Ministro Spadafora e che indicherà il Dpcm successivo a quello che scade il 15 gennaio, perché è chiaro che tutto è conseguenza dell’evolversi della pandemia”.

Alla ripresa, lo stadio Commisso sarà pronto?
Giusto stamani ero al campo assieme al Presidente. I lavori della tribuna sono terminati, i lavori ai parcheggi sono quasi finiti. Mancano gli allestimenti, i seggiolini, però diciamo che il 90% delle cose da fare è completato. Per la riapertura delle competizioni, dovremmo essere a posto”.

Capitolo calciomercato: il Brian si muoverà?
Per adesso non abbiamo preso in considerazione la cosa: con il Presidente e il Direttore Sportivo Nicola Paolini non abbiamo sfiorato l’argomento. Dobbiamo valutare bene i tempi: se avremo conferme che ripartiremo, allora si può pensare di fare qualcosa in base alle indicazioni che dirà il Mister, ma ad oggi sarebbero tutti discorsi campati per aria”.

Sono tanti i giocatori che vorrebbero, per tante ragioni, venire a giocare a Precenicco.
Si e magari c’è anche qualcuno che dal Brian vorrebbe andare a giocare da altre parti perché da noi ha poco spazio. Dobbiamo aspettare e, dopo l’ufficialità della ripartenza, anche considerando che il mercato si chiuderà ben più avanti, a febbraio, ci metteremo a tavolino e ragioneremo sul da farsi. Per adesso, ogni discorso sul mercato è inutile”.